Diritti e Doveri – Proprietà&Staff – Sfruttamento

Diritti e Doveri – Proprietà&Staff – Sfruttamento

E’ sempre una questione di diritti e doveri…importante è assumersi le proprie responsabilità sia da datore di lavoro, sia da dipendente. L’essere consapevoli di quest’ azione, abbatte ogni tipo di astio ed incomprensione tra la proprietà e lo staff. Il problema è che spesso ci sono improvvisati che ricoprono entrambi i ruoli, danneggiando chi invece, con grande sacrificio, amore e passione, si fa carico delle proprie responsabilità, (come giusto che sia). La consapevolezza di adempiere sia ai diritti che ai doveri è sinonimo di professionalità, nella misura in cui, non ci si focalizzi solo nell’osservare, ma anche nel mettere in pratica questi DIRITTI&DOVERI in modo tale che sia la proprietà che lo staff, l’uno agli occhi dell’altro sarà percepito come un professionista.

Piccola riflessione:

  • TU dipendente, metteresti al servizio tutta la tua professionalità nei confronti di una proprietà che non né dimostra alcuna?
  • Tu datore di lavoro, metteresti le tue risorse (economiche, morali e professionali, sulla quale pesano anni e anni di sacrificio)al servizio di un dipendente che non dimostra alcun interesse nei confronti dell’attività, se non solo nei confronti dello stipendio?
  • Non è forse vero che un professionista per far valere e valorizzare le proprie performance dovrebbe interfacciarsi con dei professionisti di pari o livello superiore?

QUI NON SI TIMBRA IL CARTELLINO.

Cari colleghi, professionisti del settore, questa è una professione che non ha l’orologio al polso. Il datore di lavoro a volte non ne ha alcuna responsabilità su questo aspetto, al contrario invece, è chi ci rappresenta che dovrebbe sicuramente curare alcuni aspetti contrattuali che andrebbero rielaborati e adeguati al periodo storico-socio-culturale che stiamo vivendo, permettendo alle aziende di poter erogare del denaro per tutte le ore sostenute dai lavoratori. (Sono consapevole che su quest’aspetto, potrebbe aprirsi un dibattito da show televisivo, sicuramente lo farò, lo faremo, ma non oggi e non qui)

Preso atto di questo aspetto, ne consegue che: questa professione o la si sposa o la si cambia.“Con queste parole non voglio, assecondare lo sfruttamento, nessuno ha il diritto di sfruttare nessuno, tuttavia bisogna prenderne atto che le ore di lavoro ci sono. Agire nel prendere piena consapevolezza della realtà in cui vive questo settorepuò aiutare a fare chiarezza.

Vi Invito a tenere bene a mente questa citazione:

“E’ sempre una questione di diritti e doveri. Importante è: assumersi le proprie responsabilità indipendentemente dal ruolo. L’essere consapevoli di quest’ azione, può abbattere ogni tipo di astio ed incomprensione tra la proprietà e lo staff”. Anche gli orari, non avranno più lo stesso peso.

Permettetemi di aggiungere una riflessione basata sull’uso di alcune metodologie innovative e studi effettuati direttamente sul campo.

Per farlo è necessario che la proprietà e staff percorrano la stessa rotta nel voler raggiungere gli stessi obbiettivi. Meta possibile da raggiungere nella misura in cui la mentalità viene Aggiornata al presente, frutto del nostro passato e proiettata al proprio futuro desiderato. I tempi sono cambiati, i clienti sono più esigenti, i bisogni da soddisfare sono aumentati e di natura diversa. Una crescita Personale&Professionale è il risultato di un Cambiamento funzionale ed efficace.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.